DESCRIZIONE E SCHEDA

PHOTO GALLERY

VIDEO

Descrizione

Azimut Yachts presenta Magellano 25 Metri: uno yacht nato dalla collaborazione con Vincenzo De Cotiis, artista e architetto di fama internazionale, che ha disegnato gli interni della barca in linea con il suo inconfondibile linguaggio. Le raffinate linee esterne, dal gusto chic e dall’eleganza senza tempo, sono invece firmate da Ken Freivokh.

Lo yacht si caratterizza anche per l’uso diffuso del carbonio e si avvale delle più recenti tecnologie, come il sistema di sanificazione attiva dell’aria basato su un brevetto della NASA e la funzionalità Hotel Mode che garantisce prolungate soste in rada a zero emissioni. Per ottenere lunghe navigazioni ai massimi livelli di comfort e sicurezza anche con mare formato, Magellano 25 è stato progettato con una speciale carena Dual Mode dai bassi consumi.

Interior décor

La collaborazione con Vincenzo De Cotiis nasce dal desiderio del brand di segnare un nuovo milestone, realizzando, per la prima volta, un’imbarcazione che non è contenitore d’arte ma che è essa stessa un’opera d’arteel mare.

L’incontro con il designer, tra i maggiori esponenti internazionali della collectible art nasce, tra le altre cose, da un comune legame con la vetroresina: imprescindibile materiale costruttivo per Azimut Yachts e materiale tra i più amati dall’artista. In questo yacht la vetroresina conosce una nuova vita diventando elemento di design. Per Magellano 25 Metri De Cotiis ha infatti lavorato su uno speciale tipo di resina e, attraverso un elaborato processo artigianale, frutto di più stratificazioni e impreziosito da una polvere di bronzo, ha dato vita a superfici del colore della pergamena, contraddistinte da un piacevole effetto nuvolato e da inclusioni che ricordano per certi aspetti quelle tipiche di alcune pietre preziose.

La “vetroresina artistica” è stata accostata ad altri materiali ed essenze, creando un gioco di contrasti d’indiscusso fascino: il marmo Verde Alpi spazzolato, il legno in noce scuro, la moquette, l’ottone lucido, il legno laccato e il legno cannettato. Gli arredi sono caratterizzati da forme fluide e molta attenzione è stata riservata alla creazione di un senso di continuità, espresso attraverso linee curve prive d’interruzioni.

Layout interno

L’ambiente che più colpisce per la sua originalità è l’enorme salone, per il quale De Cotiis ha lavorato per accrescere la percezione della profondità dello spazio. Intervenendo sul design affinché si potesse vedere il mare da qualsiasi punto, la sala ─ non più a classica pianta rettangolare ─ è un’area completamente avvolta dalla luce naturale. Il tavolo da pranzo può essere disposto longitudinalmente e l’area living segue il concetto di geometria organica: i divani si caratterizzano per forme variabili che offrono diverse profondità. Il mobilio interno richiama le forme del dry bar esterno, creando una connessione indoor/outdoor, per dare la sensazione di un unico spazio che si affaccia sul mare. Sempre nel Main Deck la paratia di prua viene “smaterializzata” attraverso il rivestimento a specchio che riflette la luce regalando luminosità e portando la vista dell’ambiente marino dritto nel cuore della barca.

La luce artificiale è stata pensata come un elemento chiave, grazie ad un sistema d’illuminazione in grado di creare un’atmosfera morbida e calda: oltre alle lampade e ai classici faretti a cielino, l’artista ha realizzato un attento lavoro di light design che coinvolge anche la parte inferiore dei divani, per enfatizzare il particolare effetto “sospeso” degli arredi.

Nel Lower Deck ci sono quattro cabine per la notte, di cui due Vip, una matrimoniale e una con letti doppi scorrevoli.

Nella suite armatoriale si ha l’impressione che lo spazio si dilati grazie alla posizione inclinata della cabina armadio, mentre il rivestimento in specchio ne fa scomparire il volume e riflette la luce e il panorama di tribordo, creando mutevoli effetti ottici di grande suggestione.

Tutti i tessuti di bordo sono firmati Loro Piana Interiors.

La zona equipaggio è indipendente e gode di passaggio diretto dalla cucina, in modo da non intervenire con i movimenti degli ospiti e garantire un elevato livello di privacy. Magellano 25 Metri è una delle poche imbarcazioni nella sua categoria ad avere l’accesso diretto dalla timoneria interna, posta in posizione rialzata sul maindeck, e quella esterna sul fly, per agevolare il lavoro del comandante e dell’equipaggio di bordo.

Linee esterne

Ken Freivokh ha dato una sua personale interpretazione della linea, partendo dal concetto di “Timeless” e, quindi, dalla volontà di creare un oggetto dalla bellezza intramontabile e affascinante lontana da mode e da tendenze passeggere. L’elemento centratale da cui si sviluppa tutto il progetto è la sovrastruttura interamente vetrata, concepita per creare l’emozione di una penthouse a livello del mare. Tra gli elementi più evidenti ci sono poi i mandorlati sullo specchio di poppa e la forma delle vetrature a scafo dal taglio rétro.

A dare maggiore personalità al profilo dello yacht vi sono poi i flabelli laterali in teak, che caratterizzano la parte poppiera della tuga. L’elegante scala a spirale conduce al Fly, dove l’hard top è sorretto da un albero centrale dalle forme minimal. La prua, a forma quasi verticale, sottolinea le doti di straordinaria navigabilità tipiche del modello.

La zona di prua può essere vissuta diversamente a seconda dei vari momenti della giornata come prendisole e zona lounge, mentre la poppa, grazie ad un meccanismo di portellone pivotante offre il fascino di una Infinity Terrace da cui contemplare il fascino del tramonto senza alcun impedimento visivo.

Lo scafo del primo esemplare è di color ottanio brunito con una fascia di bellezza senape.

Carbon Tech Generation e tecnologia di bordo d’avanguardia

Magellano 25 Metri s’inserisce a pieno titolo nella Carbon-Tech generation e segna un altro passo avanti nella pioneristica ricerca da parte di Azimut Yachts su questo materiale dagli indiscussi vantaggi: grazie ad un uso mirato si possono infatti ampliare i volumi di bordo mantenendo eccellenti livelli di stabilità.

Lo yacht si avvale inoltre di diverse soluzioni individuate dall’Innovation Lab di Azimut Yachts nell’ambito del programma ECS – Enhanced Cruising Solutions – ed è stato progettato e realizzato secondo i più elevati standard applicati nel settore, fregiandosi dell’HTS High Technical Standard declaration rilasciata dal cantiere.

Inoltre sarà possibile dotare il Magellano 25 del nuovissimo sistema “hotel mode” che permette l’uso dei principali servizi di bordo per un tempo prolungato, quando la barca è all’ancora, senza dover accendere i generatori. Altra caratteristica innovativa è poi il sistema di sanificazione attiva BCool, utilizzato anche dalla Nasa per gli ambienti delle navicelle spaziali.

Estrema attenzione è stata riservata alla riduzione della rumorosità e delle vibrazioni per garantire il massimo livello di comfort; la suite armatoriale è allestita come una capsula flottante e l’introduzione di un giunto elastico tra motori e invertitori impedisce alle vibrazioni generate dall’asse delle eliche di propagarsi all’interno della barca.

La carena Dual Mode, realizzata dallo studio di Pierluigi Ausonio, garantisce una navigazione sicura e confortevole, anche con mare formato. Le forme a doppio spigolo unite alla presenza di uno skeg permettono di contenere i consumi navigando a diversi regimi e attutiscono l’impatto con l’onda. Il Magellano 25 Metri è stato dunque progettato con l’obiettivo di effettuare lunghe navigazioni, percorrere moltissime miglia, anche in condizioni di mare e vento meno favorevoli.

La motorizzazione è affidata a una coppia di motori Man da 1.400 cavalli (o, in alternativa, 1.550 cavalli) con trasmissione in linea d’asse V-Drive. La stabilizzazione è affidata a un sistema di pinne elettriche Humphree. La velocità massima prevista si attesta intorno a 24/25 nodi, mentre 21 nodi è il valore della velocità di crociera.

Magellano-25m

Magellano-25m-layout

Magellano-25m-layout

Magellano-25m-layout

Scheda tecnica

Lunghezza fuori tutto (incl. pulpito) 25,22 mt (82’ 9’’)
Larghezza max 6,35 m (20′ 10”)
Immersione (incl. eliche a pieno carico) 1,9 m (6′ 2”) incl. skeg
Dislocamento (a pieno carico) approx 85,8 t (188493 lb)
Materiale di costruzione Carbon Fibre + GRP
Exterior styling & concept Ken Freivokh
Interior designer De Cotiis Architects
Hull designer P.L. AUSONIO Naval Architecture & Azimut R&D Dept.
Carena Semidislocante Dual Mode
Cabine 4 + 2 crew
Posti letto 8 + 3 crew
Servizi 5 + 1/2 crew
Motorizzazione 2 x MAN V12 1400 mHP
2 x MAN V12 1550 mHP
Velocità massima (carico di prova) up to 24-25 kn
Velocità di crociera (carico di prova) up to 18-22 kn
Serbatoio carburante 8.000 l (2114 US Gls)
Serbatoi acqua dolce 1.500 l (396 US Gls)